Vittima di violenza in ospedale a Lecce, commento shock del medico: "Eh, ma voi donne..."

lunedì 24 agosto 2015
Il Centro Antiviolenza Renata Fonte di Lecce denuncia un episodio accaduto qualche giorno fa. Il Direttore Asl Gorgoni: "Andremo fino in fondo".  

La vittima della violenza maschile diventa "responsabile" dell'aggressione subita. Questo è quanto avrebbe insinuato un medico del Vito Fazzi nei confronti di una donna che nei giorni scorsi si è recata in ospedale dopo aver subito un'aggressione.
Commenti shock che hanno lasciato incredula e sdegnata Maria Luisa Toto, responsabile del Centro Antiviolenza Renata Fonte di Lecce, che ieri ha denunciato pubblicamente su Facebook l'episodio.
“Eh, ma voi donne, pure... e poi, signora, siamo ad agosto. Sa...” avrebbe detto il medico alla donna vittima di violenza: mezze frasi dal contenuto, però, assai chiaro.
“Cosa vorrebbe insinuare, che le donne provocano?” Si chiede indignata la direttrice del Centro Antiviolenza “che le donne meritano i timpani perforati, i setti nasali rotti, le ossa e le costole spezzate? Il suo comportamento è raccapricciante! Ha svilito, offeso quella donna, l'ha sminuita come persona, ha attentato alla sua libertà. Lei è da denuncia”.
Del fatto si è interessato già nella giornata di ieri il direttore Generale della Asl di Lecce Giovanni Gorgoni che ha chiesto al Centro Renata Fonte una relazione dettagliata e urgente su quanto accaduto. “Andremo fino in fondo sulla vicenda” ha commentato Gorgoni al telefono “dobbiamo comprendere quanto è successo per avviare un procedimento disciplinare se saranno individuate delle responsabilità.
Altri articoli di "Lecce"
Lecce
30/09/2016
Dopo l’intervista a Il Foglio, in cui il premier ...
Lecce
30/09/2016
Tre episodi nel giro di poche ore, cinque auto distrutte e ...
Lecce
30/09/2016
Il tavolo di confronto nel pomeriggio: si discuterà ...
Lecce
30/09/2016
Il consigliere comunale di opposizione sottolinea alcune ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...